Sulle spiagge della Bretagna, con la bassa marea, ai bambini piace giocare alla “dinette”.
Al diavolo, gli utensili di plastica che si perdono, si trasformano in micropalle che inquinano i vivi. Tutti gli elementi essenziali biodegradabili si trovano sulla sabbia stessa o tra le rocce e le alghe: abaloni vuoti o gusci di capasanta per piatti, gusci di cannolicchi e legni galleggianti per posate, conchiglie di vongole per i condimenti; lumache di mare giocano il ruolo della pasta, conchiglie, pipe rigate, tortelli, conchiglioni, ovviamente.

Ma chi di noi pensa che le conchiglie dei molluschi marini, presenti sulla terra da circa 500 milioni di anni, abbiano caratteristiche straordinarie ? In particolare quella del Nautilus, spirale logaritmica legata al Numero Aureo o alla Capasanta (Pecten jacobaeus) che rivela l’affascinante potenza di un’ “onda di forma”.

Una figura riconoscibile tra tutte, la capasanta si interseca ovunque nella storia dell’umanità. Il suo nome deriva da capa, variante per cappa, mantello e santa, perché veniva indossata sulla cappa dei pellegrini che si recavano a Santiago di Compostela (Spagna) ; diventerà infatti l’elemento dell’equipaggiamento dei pellegrini e permetterà loro anche di purificare l’acqua raccolta lungo il cammino.
Dal medioevo ogni chiesa lo avrà all’ingresso per offrire l’acqua “santa”. Simbolo solare rappresentato sui bassorilievi delle piramidi egizie, simbolo d’amore sotto le pennellate di Botticelli nel Rinascimento, lo si vede scolpito anche nel granito dei lucernari delle dimore bretoni. E quindi ?

Si scopre che il guscio vuoto della capasanta sarebbe un potente trasmettitore di vibrazioni, quindi di irradiazione energetica per via della sua particolarissima forma geometrica. Permette, secondo rabdomanti e geobiologi, di amplificare o modificare il campo energetico di una persona, di un animale, di una pianta, una pietra, un luogo, orientandolo verso Nord.
In altre parole, questo guscio permette di purificare, filtrandone la struttura molecolare, le cellule che lo circondano.

Le basi di questa caratteristica vibratoria invisibile, furono rivelate in Occidente durante gli anni Trenta, dai ricercatori in radiestesia, di Bélizal, Chaumery e Morel. Per il momento la “scienza occidentale” non riconosce la forma onda; in Asia, invece, il “Feng shui” si basa sulle stesse caratteristiche.
Eppure gli scienziati riconoscono quanto sia strutturato il vivente secondo certe regole di armonia matematica. Ammettono la realtà del numero d’oro e del seguito di Fibonacci che sono stati utilizzati dagli architetti per creare onde di forme, come le piramidi africane o amerindie o la piramide del Louvre a Parigi e i templi di tutte le religioni -es.la cattedrale di Santa Maria del Fiore e la cupola del Brunelleschi a Firenze- ; forse anche … alcuni castelli di sabbia decorati con straordinarie conchiglie costruite dai bambini in Bretagna o contenitori le cui pieghe, modestamente, evocano le forme generose delle conchiglie.

Visualizzazione di 2 risultati